shadow

È giunto il momento di dare un colpo di reni

Motori della vita. Dall’Antico Testamento a Karen Blixen, passando per Ippocrate e Michelangelo, ecco la storia delle nostre fondamentali ghiandole. Che in Oriente sono chiamate «il mare dell’essenza»

di Vittorio Lingiardi

Dei reni si parla poco, a torto considerati organi di secondo piano, laggiù in lavanderia, custoditi nella parete posteriore dell’addome, a ripulirci dalle
scorie producendo liquidi di scolo. Eppure l’Antico Testamento li tiene in gran conto perché sede della coscienza morale. Dio, dice la Bibbia, «esamina i reni e il cuore». «Sei tu che hai formato i miei reni, che mi hai intessuto nel seno di mia madre», recita il Salmo 139. Per il Libro dei Proverbi possono addirittura sperimentare la gioia: «I miei reni esulteranno quando le tue labbra parleranno di rettitudine».

Un Cupido insolente. Lorenzo Lotto, Venere e Cupido (1530 circa), New York, Metropolitan Museum.

Il nome latino ren, renis potrebbe derivare, ma non v’è certezza, dal greco reo, scorrere. Di colore rosso bruno e a forma di fagiolo, i reni sono gli organi più vascolarizzati del corpo umano, attraversati ogni giorno da 180 litri di sangue. La loro missione è senz’altro idraulica, visto che da lì scorre l’urina che, dopo sofisticati processi di filtrazione e riassorbimento, consente l’eliminazione di sostanze dannose o in eccesso. «Cos’è l’uomo, se ci pensi bene, se non una macchina ingegnosa e minuziosamente impostata per trasformare, con infinita arte, il vino rosso di Shiraz in urina?», dice un personaggio delle Sette storie gotiche di Karen Blixen. L’evocazione enologica ci obbliga a menzionare i reni non umani, quelli dei poveri vitelli i cui rognoni finiscono trifolati sulle nostre tavole.

Come associarsi ad APAN

Siamo un’associazione fondata nel 1982 a sostegno di famigliari e pazienti affetti da malattia renale. Da anni promuoviamo la conoscenza e la sensibilizzazione riguardo le patologie e le problematiche dei pazienti nefropatici, attraverso l’organizzazione di congressi, giornate di sensibilizzazione, pubblicazioni di articoli divulgativi sulla nostra rivista “Rene&Salute”. Organizziamo inoltre cene e gite riservate ai soci e simpatizzanti.

Ti invitiamo a iscriverti all’associazione per farci crescere e migliorare!

La quota associativa (15 euro) dà diritto all’abbonamento annuale alla nostra rivista e permette di ricevere gli inviti per gli eventi ricreativi. Inoltre siamo sempre disponibili a ricevere richieste e proposte per migliorarci!

Per associarsi:

  • Effettua un bonifico: IBAN IT55Y0830401807000007771781
  • Pagalo in posta compilando il bollettino come indicato nel fax-simile allegato.

Per supportaci puoi anche donarci il tuo 5 per mille:

  • CF: 96006150229

Grazie di cuore!

I nodi del cuore: rapporto medico-paziente e fine-vita

Trento, 4 dicembre 2019
Sede Ordine dei Medici, via Zambra 16

Programma

Iscrizioni e saluti
9.00Iscrizioni all’evento*
9.15Saluti introduttivi: Dott. Marco Ioppi, Presidente dell’Ordine dei Medici di Trento; Dott. Claudio Dario, Direttore Sanitario dell’APSS di Trento
I Sessione
9.30Introduzione storico-giuridica in tema di rapporto medico-paziente e scelte di fine-vita Prof. Massimo Miglietta, Ordinario di Diritto romano dell’Università degli studi di Trento
10.00Rapporto medico-paziente e scelte di fine-vita: il punto di vista medico legale Dott. Fabio Cembrani, Direttore dell’U.O. di Medicina legale dell’APSS di Trento
10.30Ricalibrare l’approccio medico a partire dal fine-vita. Cosa può insegnarci il palliativista Dott. Gino Gobber, Direttore dell’U.O. Complessa Multizonale di Cure Palliative dell’APSS di Trento
Presiede: Dott. Giuliano Brunori, Primario U.S.C. Nefrologia e Dialisi dell’APSS di Trento e Presidente della Società Italiana di Nefrologia
11.00Pausa caffè